Un pellegrinaggio inedito: da Gerusalemme a San Giovanni di Acri

by Angelomaria Alessio

Visitare a Gerusalemme il Museo delle Terra della Bibbia è una porta inedita per comprendere il senso di un viaggio spirituale in Israele, terra della Bibbia, dove si incontrano e coniugano Antico e Nuovo Testamento e dove ancor oggi è possibile intravedere le orme del Cristo.Questa è la città dove il pellegrino alla scoperta dei testi biblici più antichi, può vivere un’esperienza unica: in un piccolo e straordinario museo, il Museo delle Terra della Bibbia, per tutto il 2020 sono esposti gli antichi testi, per offrire la possibilità di compiere un percorso spirituale e culturale davvero inedito.Pochi, pochissimi passi: basta davvero attraversare una strada e si entrerà a scoprire i Rotoli del Mar Morto, visitando il Tempio del Libro, dove viene conservata una delle più straordinarie scoperte del XX secolo.Grande sarà l’emozione di chi potrà svolgere un percorso ancora...

La valorizzazione dei beni materiali ed immateriali della Chiesa

by Stefano Mavilio

Una giornata di studi nell’ambito di Koinè - XVIII edizione, “La valorizzazione dei beni mobili, immobili ed immateriali della chiesa cattolica”, Vicenza, 18 febbraio 2019, è stata l’occasione per fornire strumenti utili al dibattito sullo stato di fatto e sul futuro di detti beni in Italia. Pur non entrando nel merito dei singoli interventi, tutti di alto valore e di ottimo livello, vuoi per gli argomenti trattati che per la qualità dei relatori/trici, l’autore cercherà di fare il punto sulla questione, alla luce dei documenti magisteriali e delle linee guida degli Uffici responsabili, nonché del personale punto di vista. Clicca qui per scaricare l'articolo completo


Il luogo del Battesimo di Gesù: da gennaio sarà riaperto ai pellegrini

by Koine Magazine

Da secoli, sulla riva occidentale del fiume Giordano, nei Territori Palestinesi ora occupati da Israele, si fa memoria del Battesimo di Gesù. Sul sito del Battesimo, sorge un piccolo convento francescano che fin dalla guerra dei sei giorni del 1967 è rimasto “circondato e assediato” da un campo minato, solo recentemente sminato. Ora il sogno dei francescani in Terra Santa si avvera ed il luogo è nuovamente accessibile: “Vorremmo accogliere qui i pellegrini per la celebrazione della festa del Battesimo di Gesù, il prossimo gennaio. Così quello che per quasi 50 anni è stato un campo minato, diventerà un campo di pace, di preghiera, di ritrovo dei pellegrini” afferma padre Francesco Patton, Custode di Terra Santa. Padre Eugenio Alliata, docente di Archeologia biblica allo Studio Biblico Francescano di Gerusalemme, intervistato da Radio Vaticana, così descrive la storia...

Lunedì, 14 Ottobre 2019

“La luce dello Spirito” a Koinè


Il tuo browser non è aggiornato!

Aggiornalo per vedere questo sito correttamente. Aggiorna ora

×