La Scuola Beato Angelico

Fondata a Milano nel 1921 a opera di monsignor Giuseppe Polvara, la Scuola Beato Angelico è uno dei cantieri più interessanti e prolifici nel rapporto tra la Chiesa e le arti.

Giovani Artisti


La Scuola Beato Angelico

Nella sua secolare esperienza la Scuola, animata dalla famiglia religiosa Beato Angelico, ha costruito numerosi edifici ecclesiastici, adeguato moltissime chiese, realizzato migliaia di altari, dipinti, affreschi, mosaici, oggetti per il culto, disseminati in Italia e all'estero. La Scuola, nello scorrere degli anni Istituto d'Arte e Liceo Artistico, ha formato alla vita professionale, umana e cristiana, generazioni di allievi: artisti, architetti, ingegneri, designer, fotografi, professionisti accreditati nel mondo della stampa, dell'editoria, del commercio, della ricerca, molti dei quali oggi riuniti nell'associazione degli ex alunni Alba. La scuola vanta al suo interno la presenza di laboratori altamente specializzati, conta su una rete di professionisti di assoluta eccellenza e continua a operare in equipe secondo il principio della scuola bottega.  La rivista Arte Cristiana, fondata sempre a Milano qualche anno prima, nel 1913, da monsignor Celso Costantini, diviene progressivamente il fulcro del dibattito e la pubblicazione più qualificata sulle arti per la liturgia. Oggi la scuola rinnova il suo impegno per la cultura cristiana e il dialogo tra la Chiesa e le arti con l’apertura di alcuni corsi di alta formazione, il prossimo mese di ottobre, e con alcuni progetti sulla fotografia, sul cinema e sulle arti applicate per la liturgia che vedranno la luce nei prossimi mesi.

In particolare, in partnership con il Pontificio Ateneo Sant’Anselmo di Roma, la Scuola organizza a Milano due corsi biennali di Alta Specializzazione: un corso in “Architettura e Arti per la Liturgia: adeguare le chiese”, che si propone di introdurre i professionisti del settore alle dinamiche di conservazione, restauro, trasformazione e adeguamento della chiesa, e un corso in “Turismo Religioso: comunicare il patrimonio culturale”, rivolto ai mediatori del patrimonio culturale di interesse religioso, a partire dalle Guide Turistiche e Operatori Museali per i servizi educativi.

In questi anni la Scuola Beato Angelico intende promuovere il senso e le modalità della sua presenza con un progetto complessivo di rilancio della propria opera e, in particolare, delle sue attività produttive, documentarie e formative. L’apertura al mondo del design, l’auspicio di relazioni amicali con gli artisti, la viva attenzione per le espressioni della contemporaneità caratterizzano oggi un carisma che continua fedelmente a perseguire le forme attuali per un’arte autenticamente liturgica e per una fede amica delle arti.

Share this article:
Il tuo browser non è aggiornato!

Aggiornalo per vedere questo sito correttamente. Aggiorna ora

×